L’utilizzo di ‘richiamo’ piastrine di staminali coaguli di sangue e la metastasi del cancro

0
11

Quando le piastrine che aiutano a formare coaguli di sangue diventare iperattiva, può portare a malattie cardiache e ictus, ma anche di promuovere la diffusione delle cellule tumorali maligne. Farmaci antiaggreganti piastrinici come l’aspirina e Plavix (clopidogrel) sono stati sviluppati per ridurre pericolosi coaguli di sangue. Ma invertire gli effetti di questi farmaci può richiedere fino a una settimana, esponendo i pazienti a maggiore rischio di sanguinamento incontrollato in situazioni di emergenza.

Ricercatori del Wyss Institute della Harvard University hanno creato “esca” piastrine che dicono che possono ridurre la formazione di coaguli di sangue e sono facilmente reversibili. Cosa c’è di più, si può essere in grado di essere usato per prevenire il cancro da diffondere, in cui credono.

Il team ha creato la terapia con l’assunzione di piastrine normali e la rimozione di loro esterna dei lipidi di membrana e qualche contenuto interno. Quando queste cellule sono state aggiunte al sangue umano normale in un vasi sanguigni-come il canale, i ricercatori hanno osservato ridotto di aggregazione e di associazione. Risultati simili sono stati ottenuti in un modello di coniglio di trombosi vascolare. I ricercatori hanno descritto le esche in Science Translational Medicine.

“Il richiamo, a differenza della normale di piastrine intatte, non sono in grado di legarsi alla parete del vaso e probabile che ostacolano la normale di piastrine, di capacità di legare bene”, ha detto il primo autore dello studio, Anne-Laure Papa, Ph. D., in una dichiarazione.

Il team Wyss anche voluto mettere alla prova le loro esche in cancro, perché le piastrine sono noti per proteggere le cellule tumorali dal sistema immunitario del corpo, aiutando così la loro diffusione a siti distanti. In effetti, gli scienziati presso la Medical University of South Carolina aveva trovato in precedenza che le piastrine secernono una molecola chiamata di segnalazione di TGF-beta per sopprimere la funzione delle cellule T. Essi hanno dimostrato che l’aggiunta di farmaci antiaggreganti piastrinici per la terapia di cellule T inibito la crescita del melanoma nei topi.

CORRELATI: Aspirina, altri farmaci antiaggreganti piastrinici aumentare la terapia di cellule T nei topi con melanoma

Per la Wyss studio, Papà e colleghi misto di esche e piastrine normali umani cellule di cancro al seno e osservato in un modello di uomo sistema vascolare. Decoy quasi completamente evitato le piastrine aiutare le cellule tumorali invadono il canale che a muro. Topi dato il miscuglio visto anche significativamente inferiore e un minor numero di tumori metastatici rispetto a quelli che ricevono piastrine normali da solo, ha riportato la squadra.

Ancora più importante, gli scienziati sono stati in grado di invertire rapidamente la esche’ inibizione piastrinica normale attività semplicemente transfusing funzionale di piastrine per i canali. Se questo può essere tradotto in esseri umani, i pazienti potrebbero essere la preparazione per la chirurgia rapidamente, i ricercatori hanno figura. E perché le esche possono essere creati con piastrine del paziente, non sarebbe di innescare una pericolosa reazione immunitaria.

“La reversibilità e immediata insorgenza di azione sono i principali vantaggi della nostra piastrinica esche, e immaginiamo loro di essere utile in ospedale a base di situazioni come la prevenzione della coagulazione in pazienti ad alto rischio prima che si sottopongono a intervento chirurgico, o quando indicati a fianco di chemioterapia per prevenire i tumori già esistenti di diffusione”, ha detto il Papa.

Prima della terapia cellulare può essere testato negli esseri umani, il Papa e i colleghi dovranno migliorare le esche in modo che possano rimanere nel sangue più a lungo. Hanno inoltre in programma di indagare il potenziale di decoy per essere utilizzati come vettori per contribuire a fornire i farmaci per le cellule tumorali, che essi sostengono, potrebbe essere il primo passo verso una prevenzione mirata del cancro metastatico.