Lilly, Pfizer fase 3 il dolore dei dati mostra misto di efficacia, di sicurezza chiare problemi

0
16

Una fase 3 di prova ha dipinto un quadro misto la sicurezza e l’efficacia di Eli Lilly e Pfizer antidolorifico tanezumab. Nessuna dose del fattore di crescita nervosa (NGF), un inibitore di colpire tutti i co-primario di efficacia degli obiettivi, e sia andato peggio rispetto a placebo sulle valutazioni della sicurezza.

Tanezumab è venuto attraverso una serie di ritardo-fase di test lo scorso anno, con almeno una delle testate dosi di colpire l’endpoint primario in tre studi clinici osteoartrite e dolore cronico alla schiena inferiore. Tuttavia, gli studi non è riuscito a sovvertire i annosi problemi di sicurezza, che devastarono la una volta hyped NGF inibitore campo circa un decennio fa.

Ora, Lilly e Pfizer hanno segnalato una serie di dati che chiariscono i problemi di sicurezza e di aggiungere alle domande circa l’efficacia, spingendo Wolfe Ricerca analista Tim Anderson a suonare la campana a morto per la droga.

“Per noi, è probabile che il prodotto morto, se non da un punto di vista normativo (cioè, è ancora accettabili?) quindi da un commerciale (cioè, mai vendere?),” Anderson ha scritto in una nota agli investitori.

Nella prova di 3.000 persone con moderata a grave artrosi dell’anca o del ginocchio, il superiore, dose sottocutanea di tanezumab battere il controllo di una prova orale, farmaci anti-infiammatori non—nei confronti di due dei tre co-endpoint primario. La dose più bassa di tanezumab non è riuscito a battere il controllo nei confronti di qualsiasi endpoint. Basse dosi di tanezumab non è riuscito a spostare l’ago in alcuni studi precedenti, troppo.

Lilly, Pfizer, acquisiti i dati di efficacia, che ha guardato il dolore, la funzione fisica dei pazienti e dei loro artrosi, a 16 settimane, ma ha continuato a monitorare a lungo dopo che per raccogliere la sicurezza dei risultati, in particolare attraverso un 80-settimana una valutazione di un primario composito comune di sicurezza endpoint.

High-dose coorte, l’incidenza di sicurezza endpoint è stato del 7,1%, rispetto all ‘ 1,5% nel gruppo di controllo. Divergente andamento è stato determinato dal tasso di rapidamente progressiva artrosi (d’azione) nel braccio del trattamento. Oltre il 6% della popolazione high-dose braccio sviluppato d’azione, contro circa l ‘ 1% nel gruppo di controllo.

È il caso di osteonecrosi—una malattia dell’osso—visto in prova si è verificato in alto-dose braccio. E l ‘ 8% dei pazienti trattati con alte dosi di coorte richiesto la sostituzione totale dell’articolazione, rispetto al 2,6% nel gruppo di controllo. Nove su 10 decessi nel processo si è verificato nel tanezumab braccia, ma Pfizer Lilly e pensare che erano tutti correlato al farmaco in studio.

I problemi di sicurezza illustrate da dati clinici sono in linea con studi precedenti di NGF inibitori, una classe di farmaci che si era trattato circa un decennio fa, per le segnalazioni di un aumento dei tassi di sostituzione articolare in pazienti che ricevono sperimentale molecole. Da allora, l’aumento di allarme circa i danni causati dagli oppiacei ha creato un bisogno urgente per la non-dipendenza dagli antidolorifici, significato di eventi avversi, una volta considerata intollerabile da parte dei regolatori, i medici ed i pazienti possono ora essere accettabile.

Anche alla luce di questo ambiente favorevole per tanezumab, Lilly, Pfizer, ha dato una modesta risposta a i dati aggiornati e le implicazioni per le prospettive di NGF inibitore.

“Stiamo analizzando questi risultati nel contesto della recente fase 3 risultati come possiamo valutare il potenziale di prossimi passi per tanezumab. Abbiamo in programma di rivedere la totalità dei dati dal nostro programma di sviluppo clinico per tanezumab con le autorità di vigilanza,” Ken Verburg, tanezumab di sviluppo di team leader presso Pfizer, ha detto in una dichiarazione.

Regeneron e Teva Pharmaceutical anche avere un NGF inibitore, fasinumab, in ritardo-fase di sviluppo.