Glioblastoma crediti altro pharma vittima AbbVie l’ADC non riesce a incrementare la sopravvivenza

0
6

A fianco di un cancro al pancreas, l’aggressiva di cancro al cervello di glioblastoma (GBM) è uno dei tumori più difficili là fuori. Ora, AbbVie è ancora un altro biopharma imparando quella lezione in prima persona.

Le probabilità erano contro la società dall’inizio, dato l’elevato livello di flop contro questo difficile-per-il trattamento della malattia, che di solito colpisce gli adulti più giovani e i bambini, al fianco della difficoltà di ottenere un coniugato anticorpo-farmaco (ADC) per colpire la sua sopravvivenza obiettivi.

Secondo il National Tumore al Cervello la Società, per la forma più comune di tumori cerebrali primari maligni, il glioblastoma multiforme, la sopravvivenza relativa a cinque anni il tasso è un triste del 5,6%, con una sopravvivenza mediana di circa 15 mesi.

GBMs sono anche pronto a sviluppare, con i tumori, costituito da diverse celle, e hanno un alto tasso di recidiva del 90%. La maggior parte dei trattamenti sono la chirurgia, dove possibile, e la chemio/radioterapia.

Roche multi-indicato cancro blockbuster Avastin, che è progettato per bloccare una proteina chiamata fattore di crescita endoteliale vascolare, è uno dei pochi farmaci mirati per essere approvato per il glioblastoma multiforme, anche se le autorità di vigilanza Europee hanno rifiutato in passato di non essere abbastanza buona.

La R&D percorso per la cura di questa terribile malattia è pieno di errori, più di recente, provenienti da BMS’ checkpoint inibitore Opdivo all’inizio di questo mese. I tumori cerebrali sono una triste storia, e AbbVie è diventata l’ultima vittima di questa trama.

CORRELATI: Bristol-Myers’ Opdivo non riesce tumore al cervello, prova di nuovo, questa volta in nuovi pazienti

È stata la prova sperimentale ADC depatuxizumab mafodotin (Depatux-M, precedentemente noto come ABT-414), che va dopo la mutazione del recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) o mutante EGFRvIII, che è anche la destinazione di alcuni vecchi cancro meds.

In una fase 3 di prova, conosciuto come INTELLANCE-1, il mediterraneo è stato utilizzato nel recente diagnosi di GBM i pazienti i cui tumori aveva EGFR: non ha mostrato alcun beneficio in termini di sopravvivenza, e data la sua scarsa mostra, un Comitato di Monitoraggio Indipendente di Dati raccomandato dovrebbe essere riportato. “Iscrizione corso Depatux-M studi è stato arrestato,” ha detto la società.

“I pazienti di Glioblastoma e dei loro caregiver affrontare una devastante malattia per la quale ci sono poche opzioni terapeutiche. Mentre siamo delusi che Depatux-M non ha dimostrato un beneficio in termini di sopravvivenza nel INTELLANCE-1 studio, rimaniamo impegnati a scoprire e sviluppare le terapie per risolvere alcune delle più invalidanti tumori,” ha detto Michael Severino, M. D., vice presidente e presidente AbbVie.

Il test è stato svolto in collaborazione con lo STUDIO Foundation, un’organizzazione indipendente, senza scopo di lucro di ricerca sul cancro dell’organizzazione. Completo, dettagliato risultati del test fallito saranno pubblicate in un secondo convegno medico e in una rivista, l’biopharma aggiunto in un breve aggiornamento. Azioni AbbVie immerso nel rosso dello 0,6% nel trading di venerdì.

CORRELATI: Miliardi spesi, ma AbbVie non può prendere una pausa con Rova-T come lattine di SCLC di prova

Questo anche colpi indietro AbbVie tardi-cancro in fase di R&D ancora di più, dopo la calamità che era Rova-T. AbbVie una volta altamente lodato droga di cancro, comprato da un quasi $10 miliardi di biobucks affrontare Stemcentrx nel 2016, nel mese di gennaio finì per costare l’azienda un ulteriore $4 miliardi in un’svalutazione.

L’anno scorso, AbbVie ha detto che sarebbe smettere di registrazione di fase 3 di prova di Rova-T in pazienti con cancro del polmone. La decisione è stata presa dopo che un comitato di monitoraggio dei dati trovati i pazienti che assumono Rova-T erano peggio i tassi di sopravvivenza rispetto ai pazienti nel braccio di controllo.

Questa è stata l’ultima battuta d’arresto in un giro di pessime prestazioni da AbbVie, dopo che ha abbandonato i suoi piani per cercare una accelerata l’approvazione della FDA per Rova-T come una terza linea di trattamento per recidiva o refrattaria a piccole cellule del cancro del polmone.

Questo aggiunge anche una recente ondata di risultati negativi per l’Adc, che hanno visto i guasti per un certo numero di farmaci negli ultimi anni. Adc assumere la forma di un anticorpo, linker e droga, generalmente, di una tossina, e sono progettati per fornire una cella-uccisione di carico per tessuti maligni, pur limitando l’esposizione ai tessuti sani.

Nonostante centinaia di studi clinici, solo una manciata sono stati messi a disposizione dei pazienti, in particolare di Pfizer, recentemente reintrodotto Mylotarg per la leucemia mieloide acuta, Seattle Genetics/Takeda del linfoma di Hodgkin terapia Adcetris e Roche Kadcyla per il cancro al seno.

La ragione per cui così pochi lo fanno per mercato Adc complesso farmaci con numerosi potenziali insidie che possono avere un impatto sulla sicurezza, tra cui la selettività dell’anticorpo targeting, la stabilità dell’ADC nel corpo e l’efficienza con cui il citotossici payload è assunta in cellule, che può portare fuori bersaglio di effetti collaterali.

Poco più di un anno fa, ADC Terapie abbandonato uno dei suoi Adc, HER2-targeting droga ADCT-502, dopo che è diventato chiaro in un trial di fase 1 che non sarebbe in grado di prendere la dose abbastanza alta per avere un effetto terapeutico senza problemi di tollerabilità.

AbbVie ha avuto prima di Rova-T terminata una fase iniziale di prova di un ADC per i tumori solidi, uno dei candidati acquisito come parte della sua sfortunata acquisizione di Stemcentrx.

Nell’estate del 2017, una importante prova di Bayer ADC anetumab ravtansine anche perso il suo endpoint primario, non riuscendo a migliorare la sopravvivenza libera da progressione in pazienti affetti da mesotelioma.

E nel mese di Marzo, una fase 3 di prova di Immunogeno ADC del mirvetuximab soravtansine mancato il suo endpoint primario, non riuscendo a prolungare la sopravvivenza libera da progressione da più di chemioterapia, spingendo gli investitori a pulire il 50% di sconto sul suo prezzo delle azioni. Si dispone ora di rifare la fase 3 se si vuole l’approvazione della FDA.

Non è stata una buona notizia, tuttavia, con Daiichi sempre quasi 7 miliardi di dollari in un accordo con AstraZeneca per le sue proprietà anti-HER2 ADC [fam] trastuzumab deruxtecan (DS-8201), che ha colpito il suo obiettivo principale in un fondamentale midstage test di questo mese.