Il miglioramento della memoria, cambiando le onde cerebrali

0
10

I segnali del cervello chiamato sharp onda increspature (SPW-Rs) si ritiene di sostenere il consolidamento della memoria. Un team guidato da ricercatori della New York University (NYU), la Scuola di Medicina ha trovato che artificialmente modificando la lunghezza del SPW-Rs potrebbe migliorare la memoria a breve termine nei ratti, che offre potenzialmente un nuovo approccio per il trattamento di disturbi della memoria, come il morbo di Alzheimer.

Il team ha scoperto che quando hanno allungato SPW-Rs nei ratti, la capacità degli animali di completare le attività che richiedono a breve e medio-durata della memoria migliorata. Nelle persone, tali memorie potrebbero includere la visita un posto nuovo, e di essere in grado di ricordare come ci si arriva, per esempio. I ricercatori, che hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Science, la speranza studi futuri potrebbe rivelare nuove strategie per alterare SPW-Rs con i farmaci.

Per il loro studio, la NYU team ha progettato labirinti per i ratti, li premia con zuccherini acqua quando hanno trovato la giusta rotta. Che percorso spostato tra la sinistra e il braccio destro del labirinto. Quindi, per ottenere la ricompensa, il roditori dovuto usare la loro memoria a breve termine per trovare la loro strada attraverso il perseguimento di un percorso opposto avevano utilizzato in un precedente viaggio attraverso il labirinto.

Cellule nervose che inviano impulsi elettrici per l’inoltro di informazioni complesse e coordinate ricordi. Questo “cottura” dei segnali crea SPW-Rs possono essere visualizzati graficamente su un elettroencefalogramma. Piuttosto che casualmente stimolare le increspature, i ricercatori hanno raddoppiato la durata di spontanea SPW-Rs che i ratti, le cellule del cervello stavano facendo durante l’esecuzione di operazioni di spostamento.

Si scopre che, in ratti con una estesa SPW-Rs erano il 10% e il 15% in più a trovare la ricompensa di ratti senza alterato segnali sono stati, ha riportato la squadra. Cosa c’è di più, estesa increspature reclutati più lenta cottura neuroni nelle loro sequenze. I ricercatori avevano precedentemente dimostrato che il più lento neuroni sono meglio a cambiare le loro proprietà quando qualcosa di nuovo si apprende di veloce cottura neuroni sono.

“Il nostro studio è il primo per il nostro settore che ha fatto modifiche artificiali intrinseco firing neuronale in modelli nella regione del cervello chiamata ippocampo, che ha aumentato la capacità di imparare, invece di interferire con esso, come i precedenti tentativi, lo studio autore principale György Buzsáki ha detto in una dichiarazione.

CORRELATI: Come un vecchio di decenni HIV farmaco potrebbe aiutare a curare il morbo di Alzheimer, le malattie età-correlate

Buzsáki di ricerca potrebbe innescare nuove idee per combattere il morbo di Alzheimer, che è spesso contrassegnato da distruttivo a breve termine la perdita di memoria. Studi clinici nella malattia di Alzheimer hanno subito numerose battute d’arresto negli ultimi tempi. Biogen e Eisai sono stati costretti a cap fase 3 di sviluppo della loro lotta contro la beta-amiloide droga aducanumab, l’aggiunta di una lunga serie di tentativi falliti nel amiloide arena.

Nel frattempo, alcuni scienziati accademici sono ricerca di nuove idee per il trattamento del morbo di Alzheimer. Per esempio, una Università di Stanford, è stato di recente scoperto che bagnatura un recettore delle cellule B chiamato CD22 potrebbe migliorare la funzione cognitiva. Un altro gruppo presso l’Università della Florida ha sottolineato solubile versioni dei recettori Toll-like come un modo promettente per ridurre l’accumulo di placca amiloide e infiammazione del cervello.

Per testare la loro ipotesi che più SPW-Rs sono benefiche per la memoria, la NYU squadra allungata loro nei ratti utilizzando una procedura invasiva. “Il nostro prossimo passo sarà quello di cercare di capire come forte ondata increspature può essere prolungata mezzi non invasivi, che se riusciamo avrebbe implicazioni per il trattamento dei disturbi della memoria,” lo studio del primo autore, Antonio Fernandez-Ruiz, ha detto.