Tiaki noleggi Bruhn come amministratore delegato per l’Alzheimer, la scoperta della droga push

0
4

Tiaki Therapeutics ha nominato Suzanne Bruhn come amministratore delegato. Bruhn, una serie di biotech CEO, arriva a Tiaki poco dopo la malattia di Alzheimer avvio entrato in una collaborazione con Eisai.

La Demenza Scoperta Fondo di designazione distrettuale (FODD), un veicolo di investimento sostenuto da sette grandi biopharma società, formata e seminato Tiaki per sostenere gli sforzi per identificare i modulatori della microglia funzione. Tiaki pensa di targeting cellule della microglia, cellule del sistema immunitario trova nel cervello, può causare la malattia (disease modifying trattamenti per una serie di neuroinflammatory condizioni, a cominciare con il morbo di Alzheimer.

Barbara Tate, chief strategy officer di DDF, guidati Tiaki attraverso i suoi primi anni come CEO ad interim, ma ora si fece da parte per lasciare Bruhn assumere il ruolo di leader della neuroinfiammazione di avvio. L’avvicendamento si presenta come Tiaki sembra costruire sul suo inizio di attività di ricerca.

“Citare in giudizio nomina arriva in un momento emozionante per Tiaki, come abbiamo lancio dell’azienda nel drug discovery basato su obiettivi emergenti dalla biologia dei sistemi, la piattaforma di” DDF CEO di Angus Grant ha detto in una dichiarazione.

Bruhn stato visto l’ultima volta leader Proclara Biosciences, una malattia neurodegenerativa biotech con farmaci contro il morbo di Alzheimer e di amiloidosi in una prima fase di sviluppo clinico. Il nuovo Tiaki CEO ha trascorso 18 mesi in Proclara prima tranquillamente essere sostituito da Chief Scientific Officer di Richard Fisher, l’anno scorso.

Prima di assumere le Proclara post, Bruhn servito come CEO di Promedior per diversi anni, con partenza poco dopo la Bristol-Myers Squibb ha pagato $150 milioni per un’opzione per acquisire la malattia fibroso biotech.

Bruhn atterrato il CEO di ruoli sulla forza del suo lavoro a Transkaryotic therapies e, a seguito di un’acquisizione nel 2005, Shire. Durante la sua permanenza presso la società, Bruhn è stato coinvolto nello sviluppo di malattie rare candidati compresi Replagal e Vipriv, trattamenti approvati per Fabry e di Gaucher malattie, rispettivamente.