Il trattamento della sclerosi multipla con l’aiuto del microbioma intestinale

0
149

La popolazione di batteri nell’intestino, conosciuto come il microbioma, è di grande interesse per i ricercatori sperano di cablaggio per curare una serie di malattie. Un gruppo di ricercatori del Brigham and Women’s Hospital ha un approccio unico per lo studio del microbioma e del suo rapporto con la sclerosi multipla (MS), che potrebbe fornire un nuovo modo per trattare il disturbo neurologico, in cui credono.

L’approccio prevede un microRNA nel microbioma che aumenta quando MS picchi nei modelli del mouse della malattia. Quando i ricercatori hanno fatto una versione sintetica dei microRNA e lo diede ai topi come un trattamento per via orale, è soppressa sintomi della malattia. Hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Cell Host & Microbe.

I ricercatori hanno studiato il microbioma dei modelli del mouse di MS e fatto una scoperta sorprendente: Quando hanno preso la materia fecale da animali vivendo il picco di sintomi e trasferiti ad altri topi, gli animali ricezione di materiale protetto da MS.

Da un attento esame del microbioma hanno mostrato che non era batteri stesso grado di garantire la sicurezza, ma piuttosto un microRNA chiamato miR-30d. Brigham and Women’s team è andato a dimostrare che la miR-30d è abbondante in campioni di pazienti con malattia recidivante-remittente MS.

Quindi perché avrebbe dovuto dare il fastidioso microRNA come un trattamento di lavoro per sopprimere MS? I ricercatori di dare una risposta a questa domanda esaminando le parti del mouse microbioma cambiato quando hanno ricevuto il sintetico miR-30d.

Hanno scoperto che il trattamento ha causato il ceppo batterico Akkermansia muciniphila a crescere nell’intestino. Questo è importante, perché Akkermansia muciniphila in precedenza aveva dimostrato di avere proprietà anti-infiammatorie.

Cosa c’è di più, le cellule immunitarie conosciute come cellule T regolatorie, o Tregs, è cresciuto in risposta a microRNA. Che anche contribuito a sopprimere MS sintomi, i ricercatori hanno segnalato.

CORRELATI: il Blocco di infiammazione del cervello nella sclerosi multipla con un gut cellule del sistema immunitario

Questa non è la prima volta che il microbioma intestinale è stato accreditato con la produzione di un anti-infiammatorio di risposta in MS all’inizio di quest’anno, i ricercatori dall’Università di California, San Francisco e l’Università di Toronto ha dimostrato che i microbi nell’intestino attivare cellule del plasma, che a loro volta producono anti-infiammatori anticorpi nel sistema nervoso centrale.

Targeting il microbioma intestinale potrebbe rivelarsi utile nel trattamento di altre malattie del cervello, come il morbo di Parkinson. Un gruppo di ricercatori del Johns Hopkins University School of Medicine ha trovato che mal ripiegate alfa-sinucleina proteine che sono stati implicati nella malattia di Parkinson può viaggiare dall’intestino al cervello. Essi credono che la scoperta potrebbe informare le nuove terapie per l’intervento precoce nella malattia.

Brigham and Women’s i ricercatori riconoscono che il trattamento di MS con un microRNA dell’intestino picchi con sintomi può essere contro-intuitivo, ma credono di ulteriori studi in miR-30d potrebbe puntare a nuovi modi per modulare il microbioma. Il team, guidato dal senior autore Howard Weiner, M. D., che ha co-dirige il Brigham and Women’s Ann Romney Centro per Malattie Neurologiche, è ora in programma ulteriori studi per tradurre i risultati in una terapia per le persone con sm e possibilmente di altre condizioni caratterizzate da infiammazione.

“I nostri risultati, che dimostrano che un microRNA può essere utilizzato per indirizzare e influenzare il microbioma con precisione, può avere applicabilità per MS e molte altre malattie, compreso il diabete, la sclerosi laterale amiotrofica, l’obesità e il cancro”, ha detto in una dichiarazione.